Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

ARTICOLO 34

La scuola è aperta a tutti.
L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita.
I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
La Repubblica rende effettivo questo diritto con borse di studio, assegni alle famiglie ed altre provvidenze, che devono essere attribuite per concorso.


Una delle conseguenze principali del principio di uguaglianza sostanziale (art. 3/2) riguarda l'istruzione che è obbligatoria e gratuita per otto anni (con l'istituzione nel 1962 della scuola media unica). Da tempo si sta proponendo di elevare l'obbligo scolastico a complessivi dieci anni, cioè al biennio della scuola superiore, anche per adeguare l'Italia agli altri Paesi europei. Per garantire effettivamente il diritto allo studio sono previsti, per i capaci e meritevoli, aiuti economici (borse di studio, esenzione dalle tasse ecc.), anche se in misura considerata ancora insufficiente. La frequenza di scuole e università ha avuto, in ogni caso, un notevole incremento in questi ultimi decenni.

Potere legislativo; Scuola pubblica / privata / parificata.