Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

ARTICOLO 40

Il diritto di sciopero si esercita nell'ambito delle leggi che lo regolano.


Lo sciopero, cioè il rifiuto di prestare il proprio lavoro, era considerato nello Stato liberale un inadempimento degli obblighi contrattuali e, quindi, poteva condurre al licenziamento. Durante il fascismo, invece, veniva addirittura punito come un reato. Ora invece è un diritto costituzionale e comporta soltanto la perdita della retribuzione. La legge 146/1990 ha regolamentato lo sciopero nei servizi pubblici essenziali (sanità, trasporti, istruzione, comunicazioni), obbligando a dare un preavviso e regolando la precettazione (l'ordine di presentarsi al lavoro dato dal prefetto o dal Governo).

Potere legislativo; Sciopero.