Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

ARTICOLO 41

L'iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.


L'articolo (coniugando i principi di libertà e solidarietà formulati dall'art. 2) da un lato afferma la libertà di iniziativa economica (costituire imprese, assumere lavoratori, produrre e vendere per ottenere un profitto), e quindi qualifica il nostro paese per la presenza dell'economia di mercato, dall'altro però pone dei vincoli. Si pensi alle norme che rendono obbligatorio dotarsi di sistemi contro gli infortuni, oppure che obbligano a dotarsi di depuratori, per limitare l'inquinamento dell'aria e dell'acqua. Inoltre, riconosce allo Stato il potere di intervenire, mediante leggi, per programmare l'attività economica, sia pubblica sia privata (coerentemente con l'impegno assunto nell'art. 3/2).

Potere legislativo.