Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

ARTICOLO 51

Tutti i cittadini dell'uno e dell'altro sesso possono accedere agli uffici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza, secondo i requisiti stabiliti dalla legge. A tal fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini.
La legge può, per l'ammissione ai pubblici uffici e alle cariche elettive, parificare ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo necessario al loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro.


L'articolo stabilisce che tutti i cittadini godono dell'elettorato passivo, cioè possono venire eletti (consiglieri comunali, deputati ecc., salvo i casi previsti di ineleggibilità: artt. 56/3, 58/2, 84/1) ed esercitare un pubblico servizio (per esempio, agenti di polizia, vigili urbani, notai: art. 97/3). L'ultimo comma vuole rendere effettivo per chiunque il diritto di esercitare una carica elettiva.

Diritti politici; Potere legislativo.