Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

ARTICOLO 57

Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvo i seggi assegnati alla circoscrizione Estero.
Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici, sei dei quali eletti nella circoscrizione Estero.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette; il Molise ne ha due, la Valle d'Aosta uno.
La ripartizione dei seggi fra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale risulta dall'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei resti più alti.


Per eleggere i senatori, a ogni Regione vengono attribuiti almeno sette seggi (eccetto Molise e Valle d'Aosta), in proporzione alla popolazione residente, e sono istituiti tanti collegi quanti sono i senatori da eleggere per ogni Regione. In seguito al risultato del referendum del 1993 e alla legge 276/93, 232 senatori sono eletti con il sistema maggioritario (viene eletto il candidato che ottiene il maggior numero di voti in un collegio, anche se non sono la maggioranza assoluta del 50% + 1) e i rimanenti 83 con un sistema proporzionale su base regionale.

Divisione dei poteri; Elettorato attivo e passivo; Elezioni; Parlamento; Potere legislativo.