Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

PENA DI MORTE

Pena prevista per delitti particolarmente gravi. È stata abolita in Italia con l'entrata in vigore della Costituzione nel 1948 e sostituita dall'ergastolo, ma è rimasta fino al 1994 nei casi previsti dal Codice penale militare di guerra. Molte ragioni sono state portate contro questa pena, che si è dimostrata inutile al fine di diminuire i reati più gravi, che diventa irreparabile nel caso di errori giudiziari, che contraddice a convinzioni morali, religiose, filosofiche che negano allo Stato di poter disporre della vita umana. Essa è, tuttavia, ancora presente nella legislazione di molti Stati, non soltanto dove vi è un regime dittatoriale.

Costituzione
art. 27.


Amnesty International.