Dizionario del cittadino
Lemma
   

 

 

REFERENDUM

Votazione nella quale il popolo viene chiamato a esprimere direttamente la sua volontà su una determinata questione. La Costituzione, all'art. 75, prevede il referendum per abrogare, in tutto o in parte, una legge o un atto avente forza di legge (decreti-legge e decreti delegati o legislativi). La richiesta di referendum deve essere effettuata da cinquecentomila elettori o da cinque Consigli regionali. Le firme degli elettori devono essere controllate dalla Corte di cassazione; se sono in regola, la proposta di referendum passa alla Corte costituzionale, che verifica se non è in contrasto con la Costituzione. Infatti, non è ammesso referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali. Alla votazione possono partecipare tutti gli elettori della Camera dei deputati (quindi, chi ha compiuto i diciotto anni) ed essa è valida se votano almeno la metà più uno degli aventi diritto. Se vincono i sì (se cioè ottengono la maggioranza dei voti espressi) la legge viene abrogata; se vincono i no, essa rimane in vigore. La legge di attuazione del referendum è del 1970 e il primo referendum (legge sul divorzio) è stato effettuato nel 1974.

Costituzione
artt. 75, 138.


Abrogazione; Quorum.