versione per la stampa  
L'operatore famiglie
   
In campo economico la parola "famiglie" viene usata per indicare tutti quei soggetti che:
- offrono i fattori produttivi alle imprese e allo Stato in cambio di un compenso (reddito);

- decidono quanto reddito spendere domandando beni e servizi;

- decidono quanto risparmiare.

Chi effettua queste operazioni può perciò essere una famiglia (di diritto o di fatto), ma può anche essere una persona che vive sola.

Le famiglie offrono fattori produttivi alle imprese: lavoro innanzitutto, ma anche risorse naturali oppure denaro. Per l'utilizzo di questi fattori la famiglia riceverà un compenso che ha un nome diverso in base alla fonte.

Avremo perciò:
  •   interessi per il denaro dato in prestito;
  •   rendita per le risorse naturali;
  •   salario o stipendio per il lavoro dipendente;
  •   onorario per il lavoro autonomo;
  •   profitto, se un membro della famiglia è imprenditore e gli spetta un compenso per il lavoro che svolge
 

Nelle economie moderne il lavoro dipendente costituisce la fonte di reddito prevalente, e di conseguenza la maggior parte del reddito delle famiglie è costituito da salari.

La somma di denaro che il lavoratore percepisce mensilmente per la sua attività lavorativa viene chiamata salario monetario; si chiama invece salario reale la quantità di beni e servizi che il lavoratore può comprare con il salario monetario.

Quando i prezzi salgono ma il salario monetario rimane invariato, il lavoratore può comperare di meno e quindi è di fatto impoverito.

Una volta acquisito un reddito, la famiglia dovrà versare le imposte che lo Stato le richiede come contributo per le risorse impiegate per pagare la spesa pubblica.

Con il reddito che le resta (reddito disponibile) la famiglia deve decidere quanta parte utilizzare per soddisfare i suoi bisogni. Se il redddito è basso, servirà tutto per soddisfare solo i bisogni primari; a redditi più alti corrisponde la possibilità sia di soddifare i bisogni secondari sia di risparmiare, mettendo così le basi per un aumento futuro del proprio reddito.