versione per la stampa  
L'operatore imprese
 

Le imprese sono i soggetti che acquistano dalle famiglie prestazioni lavorative e altri fattori produttivi per effettuare la produzione di beni e servizi che venderanno sul mercato. Dalle famiglie, poi, prendono in prestito i risparmi per poter effettuare investimenti produttivi.

 
Possiamo già cominciare a intuire quanto siano complessi i rapporti che si creano fra imprese e famiglie: le imprese rappresentano la domanda sul mercato delle risorse produttive e l'offerta sul mercato dei beni e servizi. A seconda del tipo di bene prodotto (bene di consumo o bene di investimento), le imprese avranno come acquirenti le famiglie o le altre imprese. Una delle prime decisioni che deve prende l'imprenditore, una volta che ha individuato che bene o servizio vuole produrre, è come organizzare i fattori produttivi che utilizza. Qualsiasi tipo di produzione richiede la presenza dei fattori produttivi: i fattori naturali, il lavoro, il capitale.
   
 
L'imprenditore, però, può decidere in che modo combinarli, poiché quasi tutte le produzioni possono essere realizzate utilizzando o più lavoro o più beni capitali. La scelta avverrà in base alla convenienza che ne deriverà per l'imprenditore, convenienza che a sua volta dipenderà da quanto gli vengono a costare i fattori alternativi.
Dalle decisioni dell'imprenditore derivano rilevanti conseguenze di tipo sociale: tutte le volte che, ad esempio, deciderà di ridurre il personale e di sostituirlo con macchine (fattore capitale), ci saranno famiglie che vedranno ridursi o azzerarsi il loro reddito. Se questo processo di sostituzione del lavoro umano con quello delle macchine si diffonde nel sistema economico, ci sarà peraltro una diminuzione della domanda di beni e servizi di consumo, poiché:

-
molte famiglie non avranno più lo stesso reddito di prima o non disporranno di alcun reddito;

-
molte imprese ridurranno o azzereranno la loro domanda di beni di investimento, e dunque anche gli imprenditori che producono questa categoria di beni potranno avere problemi a venderli.
In genere, le imprese producono con l'obiettivo del guadagno (dato dalla differenza tra ricavi e costi), ma questo risultato è sottoposto al rischio di insuccesso. Per questa ragione spessissimo gli imprenditori per limitare questo rischio si associano dando origine a delle società.
Scegliendo questo modello di organizzazione si ha un doppio vantaggio perché, oltre a ridurre il rischio, si possono mettere insieme capitali più ingenti e realizzare attività produttive più consistenti.